Loading...

Lusso, hotel e case verificate: Airbnb punta a 1 miliardo di ospiti

Airbnb punta sulle case di lusso

A dieci anni dalla fondazione Airbnb lancia una nuova strategia con l’obiettivo di arrivare a un miliardo di ospiti all’anno nel 2028. Nuove categorie di alloggi, abitazioni certificate e un rinnovato programma di affiliazione sono i binari del piano decennale di sviluppo messo a punto dalla piattaforma di affitti per turismo. Oggi Airbnb aggrega 4,5 milioni di alloggi distribuiti in 81mila città. Stima di aver generato 41 miliardi di dollari di incassi per gli host e di aver raggiunto 300 milioni di soggiorni.

Dopo il lancio delle esperienze di viaggio, un anno e mezzo fa, il nuovo piano di azione di Airbnb torna a concentrarsi sull’oggetto principale delle ricerche sul sito: le case. L’offerta comprenderà quattro nuove categorie di alloggi: case vacanze, alloggi unici, bed & breakfast e boutique hotel. Si aggiungono alle tre tipologie già disponibili: intera casa, stanza privata e stanza condivisa. Il lancio delle nuove categorie avverrà quest’estate.

L’obiettivo è di offrire “una maggiore chiarezza riguardo alle tipologie di alloggi disponibili” e “di mettere in risalto le particolarità della propria offerta“. Le ricerche potranno essere più mirate. Su Airbnb sono già disponibili 180mila b&b, raddoppiati rispetto all’anno scorso, e 54mila camere di hotel boutique.

Per migliorare la ricerca dell’alloggio più adatto all’esigenze del turista, si aggiunge anche il programma collezioni. Da oggi sono disponibili le categorie famiglie e lavoro. Nel corso dell’anno si aggiungeranno anche social, matrimoni, luna di miele, tra amici e cene.

Altro segmento che si somma all’offerta rinnovata è il lusso. Entro la primavera sarà attivo il programma Beyond. Sul sito sarà possibile prenotare un soggiorno da pascià in case di lusso.

Infine si aggiunge che Plus, che raccoglie “case, verificate personalmente una ad una, secondo criteri di qualità e comfort“. Al momento Airbnb ne offre già duemila in tredici città: Los Angeles, Shanghai, Cape Town, Londra, Sydney, Melbourne, Roma, Milano, Toronto, Barcellona, Chicago, Austin, e San Francisco. Entro la fine dell’anno il piano punta a raggiungere 75mila alloggi in 50 mercati. Entro l’estate, ad esempio, si aggiungeranno tredici nuove città: Atene, Auckland, Bali, Pechino, Chengdu, Creta, Lisbona, Città del Messico, Montreal, Phoenix, Praga, Riviera Maya e Seattle. In media sono case che costano 150-200 dollari a notte.

Airbnb Plus è stato pensato per ospiti alla ricerca di case bellissime, host eccezionali e soggiorni senza preoccupazioni. Le case di Airbnb Plus sono state ispezionate e verificate di persona attraverso una lista di 100 requisiti tra cui figurano i criteri di pulizia, comfort e design“, spiegano dall’azienda. Airbnb richiede un arredo personalizzato, facilità nel check in con strumenti digitali o personale, cucina attrezzata, programmi di intrattenimento (ad esempio, accesso a Netflix). Il processo di verifica e consulenza costa 149 dollari.

Ultimo tassello della strategia è l’investimento nella comunità degli host. Il programma Superhost, che conta attualmente più di 400mila ospiti in tutto il mondo, sarà arricchito di nuovi vantaggi, tra cui una maggiore visibilità per gli annunci e url personalizate. Alla fine dell’anno nascerà un programma fedeltà abche per i viaggiatori. “Il programma Superospite sarà lanciato in una versione di prova iniziale quest’estate con 10.000 ospiti, per poi essere essere ampliato a tutta la community Airbnb entro fine anno“, entro l’azienda.

Alla presentazione del nuovo piano, Brian Chesky, co-fondatore e amministratore delegato di Airbnb, ha detto: “Dieci anni fa non avremmo mai immaginato che Airbnb potesse diventare tutto questo. Allora, le persone pensavano che scambiarsi le case tra sconosciuti fosse folle. Oggi milioni di persone lo fanno tutti i giorni. Ma noi vogliamo andare oltre, supportando ed espandendo la nostra community, così che tra dieci anni più di un miliardo di viaggiatori ogni anno potranno vivere in prima persona l’esperienza di viaggio unica che offre Airbnb”.


Fonte: WIRED.it

 LIVE CHAT