Loading...

Che fine ha fatto la promessa del turismo spaziale?

Se ne parla da tempo e grandi nomi, da SpaceX alla Blue Origin, sono al lavoro per rendere lo spazio una meta accessibile, ancorché esclusiva (di sicuro nei prezzi). Ecco a che punto sono i principali progetti di turismo spaziale

Lo abbiamo dettopensatoscritto diverse volte, soprattutto negli ultimi anni: “siamo più vicini” all’arrivo del turismo spaziale, alla possibilità – il sogno per alcuni – di poter sbarcare nello Spazio anche per i non addetti ai lavori, per i non professionisti. Come è logico attendersi un simile sbarco deve richiedere tanti piccoli passi, primo fra tutti la costruzione di navicelle adeguate all’impresa e sicure per il trasporto degli esseri umani (e ovviamente ingenti investimenti a finanziare il tutto). Ma dove ci hanno portato tutti questi passi fino a oggi?

Fare il punto dei progetti di turismo spaziale richiede soprattutto richiamare alla mente i progetti delle principali aziende che hanno deciso di investire nel campo negli ultimi anni, come riassume anche Popular Science. Senza dimenticare che qualche turista spaziale lo abbiamo già avuto sulla nostra casa in orbita.

Hotel di lusso
Altri turisti potrebbero arrivare con la costruzione di un hotel di lusso sulla Stazione spaziale internazionale, come nelle strategie della russa Rkk Energia.

E non solo. La Orion Span ha per esempio da poco annunciato l’intenzione di costruire Aurora, una location di lusso a 320 km di altezza. La tempistica? Lancio della stazione-hotel per il 2021, apertura delle porte ai turisti per l’anno successivo. A usufruirne potranno essere quattro turisti alla volta (opportunamente addestrati in un ciclo di lezioni e test della durata di tre mesi), accompagnati in orbita da due membri dell’equipaggio.

L’esperienza per i fortunati (e ricchi paganti: un ticket costerà quasi dieci milioni di dollari) sarà del tutto simile a quella degli astronauti oggi in orbita sulla Stazione spaziale, vista la possibilità di condurre anche piccoli esperimenti in condizioni di microgravità.

A esclusive case in orbita è interessata anche Axiom Space, che mira a costruire la prima stazione spaziale commerciale. Quando? Nel 2024, ma i primi moduli verranno lanciati verso la Iss già nel 2121 per essere pronti poi a staccarsi una volta che la (attuale) stazione spaziale internazionale arriverà alla fine della sua vita operativa (prevista per il 2024 appunto). A 400 chilometri di altezza i turisti in viaggio con Axiom potranno rimanere per soggiorni variabili da sette a dieci giorni, dopo diverse settimane di allenamento e preparazione. “Prenota ora che c’è spazio”ricordano dall’azienda.

Viaggi intorno alla Luna
Tra le aziende in corsa non poteva mancare di certo SpaceX. L’azienda che ha spedito un’automobile nello Spazio lo scorso anno annunciava che questo infatti sarebbe stato l’anno in cui avrebbe portato due cittadini privati in tour intorno alla Luna. I veicoli per il viaggio sarebbero dovuti essere la Crew Dragon per l’equipaggio e il Falcon Heavy per il trasporto. Anche se, stando alle ultime notizie sul tema, i piani di Musk potrebbero cambiare e far affidamento su un nuovo gioiellino in fase di sviluppo in azienda: il Big Falcon Rocket (Bfr per gli amici), un razzo ancora più grande come suggerisce il nome. Questo significherebbe però rivedere i piani a data da destinarsi al momento, con l’idea che se i test per Bfr dovessero prendere troppo tempo si tornerebbe a pensare al Falcon Heavy.

Viaggi intorno alla Luna, con possibilità di vedere il lato oscuro del nostro satellite, figurano anche tra le proposte di Space Adventures, che promette di metterli tra le proprie offerte – dove spiccano voli a zero-G e passeggiate spaziali – dopo il 2020. Se le promesse sembrano alte, altissime, va ricordato che Space Adventures pur non possedendo veicoli propri è l’azienda che ha già portato turisti nello Spazio, sulla Iss. Ma c’è un ma, per chi volesse tentar l’impresa: “Il costo della passeggiata nello Spazio dipende dalla tempistica della missione e da altri fattori”. Stesso discorso, s’intende per le missioni intorno alla Luna. Siamo avvisati insomma.

I voli suborbitali di Bezos e Branson
Il nome di Musk non è però il solo ben noto quando si parla di turismo spaziale. Anche la Blue Origin di Jeff Bezos, il patron di Amazon, è interessata al business del turismo spaziale. Il programma della Blue Origin fa affidamento sul razzo New Shepard riutilizzabile, in cima al quale si troverà una capsula pressurizzata per l’equipaggio, che dopo un’iniziale e breve fase di accelerazione si staccherà dal razzo per “navigare tranquillamente nello Spazio”, scrivono dall’azienda, a circa 100 km di altezza.

Il progetto della Blue Origin basato sul sistema New Shepard (Foto via Blue Origin)

La capsula al suo interno può ospitare fino a sei membri, che potranno per qualche minuto sperimentare l’emozione dell’assenza di peso e godersi la vista dagli enormi finestrini prima di rimettere piedi a terra dopo una discesa in paracadute. La tempistica non è chiarissima, anche se alcuni rumors davano i primi voli con passeggeri per il 2018. Staremo a vedere. I test di domenica scorsa sono di buon auspicio: la Blue Origin (al lavoro su un nuovo razzo riutilizzabile, New Glenn, da impiegare anche per il trasporto di persone) è infatti riuscita con successo a testare il sistema New Shepard, capsula per equipaggio inclusa, spingendosi oltre i 100 km riferisce Space.com e conferma Bezos su Twitter.

Nel mentre proseguono i lavori per i voli suborbitali nei piani anche della Virgin Galactic di Richard Branson, a quasi quattro anni dall’incidente in cui perse la vita uno dei piloti della SpaceShip Two. All’inizio del mese, infatti, l’azienda annunciava l’entrata nelle ultime fasi di test dei voli SpaceShipTwo Vss Unity dopo il volo supersonico sopra il deserto del Mojave, in California, sparata a circa 25 km di altezza. Più lunghi sembrano invece essere i tempi di un’altra azienda, la KosmoKurs, al lavoro su analoghi progetti di voli a circa 200 chilometri di altezza, che prevedano un razzo riutilizzabile con un capsula in cima.

Se tutto andrà come deve andare potremmo sì mettere il naso (Buzz Aldrin direbbe altro) fuori dal nostro pianeta nel giro di qualche anno, ma chi potrà farlo sarà, di sicuro all’inizio, qualcuno particolarmente benestante.


Fonte: WIRED.it

 LIVE CHAT